mercoledì 25 gennaio 2017

Ammodernamento accumulo sanitario

Bagno con ampia doccia al De Benci b&b a Firenze

Continua l'opera di ammodernamento del bed and breakfast: dopo la caldaia, anche l'accumulo del sanitario ha fatto il suo tempo.

In 12 anni l'usura, il calcare e la comparsa della ruggine hanno reso necessaria la sostituzione di questo importante elemento: è un serbatoio dalla capacità di 300 litri che conserva l'acqua calda destinata ai servizi igienici del De Benci b&b.

Ma perchè conservarla? Normalmente nelle case la caldaia si attiva quando si apre un rubinetto dell'acqua calda, scaldandola sul momento. Se provate ad aprirne due insieme potrebbero cominciare i problemi: a chi non è mai capitato di essere sotto la doccia e di sentirsi arrivare la "secchiata gelida" solo perchè qualcuno in casa ha aperto un altro rubinetto?

In un posto come il De Benci bed and breakfast dove ci sono tanti rubinetti la richiesta può essere molta, ad esempio quando sono in funzione più docce contemporaneamente. Nessuna caldaia potrebbe soddisfare all'istante una richiesta così grande, quindi l'acqua viene riscaldata prima e mantenuta a temperatura (ad un valore di circa 60° Celsius che varia a seconda delle stagioni), in modo da garantire a tutti gli ospiti l'acqua calda in qualsiasi momento, indipendetemente dalla richiesta.

Certo è che se l'uso dell'acqua calda diventa un abuso (ad esempio stare sotto la doccia un'ora o più), non ci sono accumuli o caldaie che possano farcela: prima o poi l'acqua calda finisce! Per questo invitiamo gli ospiti a non esagerare: oltre ad essere uno spreco di acqua e di energia, può diventare uno spiacevole inconveniente per gli altri ospiti.

Anche se vi piace fare la doccia fredda, ricordate che l'acqua è il bene più prezioso dell'intero pianeta e non va sprecata!